Gian Franco Reino - Fondatore

Cercando di capire cosa voglio fare da grande, girando di lungo e in largo ho scoperto che mi piace bere, bene e a casa mia. Cosa voglio fare da grande, ancora non lo so ma questa è tutta un'altra storia... Nel frattempo mi auguro voi condividiate con me la mia passione.

In questo mio cammino iniziato ormai nel 2014 sono giunto a ciò che ora è Alto Piemonte - i vini del nord Piemonte affiancandomi a dei validissimi collaboratori! Appassionati esperti del settore, bravissimi sommeliers ed ora anche amici: nell'ordine Andrea Li Calzi (sommelier AIS) e Donatello Rinaldi (sommelier Fisar) che hanno personalmente scritto e redatto i contenuti e le schede prodotto presenti all'interno del sito. Comprese le relative valutazioni graficamente rappresentate da 1 a 5 "Monterosa". Oltre a loro si aggiungono giornalisti, specialisti del settore che hanno accettato di contribuire con i loro articoli nel Il Blog .



Andrea Li Calzi (sommelier e autore)

Ciao ragazzi, mi presento, sono Andrea Li Calzi e vivo a Novara. Da sempre ho avuto svariate passioni: basket, musica, cinema e cucina. Quest’ultima, nel 2004 mi ha permesso di conoscere il mondo del vino, di tutte le passioni è quella che seguo di più, quella a cui dedico più ore del mio tempo libero, ma ciò che amo maggiormente è proprio visitare le aziende dell'Alto Piemonte, regione vitivinciola in cui sono nato e cresciuto, vera e propria culla del Nebbiolo, da noi chiamato Spanna, il re dei vitigini italiani...




Donatello Rinaldi (sommelier e autore)

Nato nel Lazio, nonno abruzzese, vissuto in liguria, oggi  Piemontese di adozione.  Appartenente alla specie protetta dal WWF dei Geometri. Sono diventato sommelier molti anni fa ed è stato solo l’inizio. La curiosità è stato il carburante che mi ha fatto girovagare qua  e là  per scoprire territori, cantine, cultura, persone  in una parola: vini...


L' alto Piemonte

"Un sorso di Gattinara. Purché vero s'intende, non chiedo di più!." Parafrasando Mario Soldati, grande scrittore del Novecento, in una celebre frase tratta da un suo racconto, ma ampliandola per meriti, qualità e potenziale a tutte le Doc e Docg dell'Alto Piemonte, ci prefiggiamo l'obiettivo di farvi conoscere i vini che amiamo maggiormente, figli del Monte Rosa e testimoni di una tradizione che continua da secoli, all'insegna della qualità e della grande appartenenza al territorio.


(foto: Stefano Pescio // Unconventional Photography)

Si tratta di vini dal carattere speciale, diversificati per tipologia e vitigno, caratterizzati da una grande impronta minerale e salina, questo per via del terreno in cui nascono e crescono le uve, unico nel suo genere per varietà di componenti, ricco di scheletro e minerali di ogni genere, diversificato a seconda delle Doc/Docg storiche del comprensorio. Le province storiche sono quelle di Novara, Biella e Vercelli. Si passa dai caratteristici porfidi di Boca, Gattinara e Bramaterra, alle sabbie plioceniche di Lessona, passando per i depositi fluvio glaciali di Ghemme e terminando con i suoli profondi ed argillosi di Fara e Sizzano. Le Valli Ossolane, targate Vco, nuova frontiera dell'Alto Piemonte rappresentano una Doc giovanissima, nata nel 2012, il suo territorio è ricco di scheletro ghiaioso e tessiture franco-sabbiose e franco-limose.


(foto: Stefano Pescio // Unconventional Photography)

Il vero asso nella manica di questi gioielli enologici è il forte legame con il Monte Rosa, nostra icona a 360°, lo vedrete anche nelle schede dei vini dove attribuiremo un punteggio usando simpaticamente la sua immagine. Questa montagna dal profilo himalayano, protegge il territorio dai venti freddi del Nord, e nelle stagioni più calde viene sempre in soccorso della vite, perché le correnti fresche che arrivano dai suoi ghiacciai e dalle sue valli, portano la giusta ventilazione e frescura notturna, e considerando le escursione termiche con il giorno, contribuiscono ad esaltare i profumi del vino. Questa caratteristica è fondamentale per rendere grande un territorio vitivinicolo.


(foto: Stefano Pescio // Unconventional Photography)

Vitigni autoctoni quali Nebbiolo, localmente chiamato Spanna, Vespolina, Uva Rara, Croatina e Greco Novarese sono le uve che compongono le Doc e Docg del nostro amato comprensorio, descritte minuziosamente nelle sezioni del sito dedicate a vitigni e denominazioni. Considerata la verietà delle singole uve o del loro assemblaggio, questi vini sono ottimi compagni della buona tavola, per via della loro sapidità e freschezza, data da suoli con pH molto basso. Questa prerogativa è molto importante perché permette di esaltare l'abbinamento enogastronomico di piatti quali: brasato di manzo, risotti e carni di ogni genere, arrosti, formaggi di diversa stagionatura, minestre a base di verdura e legumi, grandi preparazioni a base di pesce, ma anche semplici aperitivi in compagnia.

Il vino è soprattutto convivialità, un buon bicchiere è l'elemento che crea la giusta atmosfera. Avere una collezione di vini dell'Alto Piemonte su cui poter contare, è un qualcosa a cui non potrete più rinunciare. Saremo lieti di offrirvi etichette selezionate, frutto di numerosi assaggi e visite in cantina, approfondimenti vari che potrete seguire anche grazie al nostro blog, che si occuperà di illustravi puntualmente tutto ciò che gravita attorno al nostro amato territorio.

Il carrello è vuoto!