Spedizione gratuita per l' Italia con 150 euro di spesa!

Nona edizione per la manifestazione “I Colori del Vino” di Lessona. La  serata del sabato, ultima di una serie di incontri culturali e sociali organizzati dal Comune, dal Circolo di Lessona e come ogni anno, anche  dall’ instancabile sommelier Ermanno Mino. Protagonisti vini del biellese ovviamente ma non solo.


Molte le aziende anche del Novarese e Vercellese e oltre, rappresentate dal Consorzio di tutela dei vini  di Caluso Carema e Canavese, dal Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte e dell’ Enoteca Regionale del Biellese e della Serra. Tutto l’ Alto Piemonte in grande spolvero insomma. Servizio di mescita al banco curato dai  Sommelier della F.I.S.A.R. (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori), dell’ A.I.S. (Associazione Italiana Sommelier) e degli assaggiatori dell’ O.N.A.V. (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino). Presenti anche O.N.A.F. (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi) con una selezione di prodotti del territorio sapientemente abbinati con in vini e anche qualche distillato artigianale ovviamente locale. Anche la condotta di Biella di Slow Food non è mancata a questa edizione per la valorizzazione e comunicazione dei presìdi del territorio. Quest’anno il vino ospite è stato il Dolcetto della Valle Bormida presentato dal disponibilissimo Luca Lanza. Molte le presenze soprattutto di giovani che si sono avvicendanti per tutta la serata fino a notte fonda, senza mai creare quella calca a cui siamo abituati nelle blasonate occasioni enologiche. Anzi, i produttori presenti sono stati disponibili alle domande ed alle richieste di tutti. Una manifestazione alla quale non possiamo più mancare visti i risultati sempre crescenti dei vini del Biellese negli ultimi anni.

La scoperta enologica della serata è la giovane azienda Cascina Preziosa di Catellegno - Biella con il Djarmai Coste della sia Rosso 2015.


Il nome è difficile ma il vino è bevibilissimo! Djarmai è il nome in creolo dell’ isola di Capo Verde un omaggio del patron Gianni Selva Bonino all’isola dove ha un’attività immobiliare (come è noto le vigne impegnano pochissimo…ndr). È un matrimonio assai difficile quello tra sua maestà il nebbiolo e la scalpitante  barbera, ma non è questo il caso. Sono in parti uguali (strano vero? nrd) ed insieme ballano il valzer sulle vostre papille. I due vitigni si distinguono nettamente. Non fai in tempo a apprezzare uno che arrivano prepotente il secondo per ricordarti “hei! ci sono anch’io e non sono da meno” Il colore è quello della Barbera: rosso rubino, vivace e intenso. Al naso freschissimo e fruttato ma poi arriva l’erbaceo spinto dalla genziana nelle retrovie e la cavalleria è arrivata... In bocca? Ancora meglio! Piacevolissimo ed elegante.


Mentre continui a chiederti come questi due giganti possano stare così bene insieme hai già finito il tuo assaggio. Promemoria: Il sorridente ed abbronzatissimo Gianni non sta mai fermo e ha già intenzione di cambiare il contratto prematrimoniale e relative percentuali quindi una bottiglia del 2015 in cantina la metterei. Sempre per scopi didattici ça va sans dire.

(Il vino Coste della Sesia Rosso "Djarmai" 2015 lo trovate--> qui)

Related Articles
07.05.2018
Benvenuto Roberto Conterno!
14.05.2018
La Grande Bellezza… di Gattinara